lunedì 18 agosto 2008

Berlino... auf wiedersehen - 1

“…la città è molto più di un insieme di edifici, di istituzioni, di strade o di piazze…la città è
un modo di essere, è uno stato d’animo, un’atmosfera dello spirito, una sensazione. La città è un’emozione.”

Berlino è un'emozione.

Inizio con questo discorso di Renzo Piano, coordinatore del progetto che ha portato Berlino ad una spinta verso il futuro. Testimone di ciò è Potsdamer Platz, la zona più distrutta dalla guerra e dal dopoguerra, terra di nessuno nel periodo del muro, si è trasformata nel quartiere di architettura contemporanea più importante d’Europa. Ora è stato creato uno straordinario e armonico complesso dalle forme avveniristiche.

Porta di Brademburgo, Unter den Linden, vi si affacciano sontuosi edifici, testimoni della storia, lungo questo viale hanno sfilato le truppe di Napoleone, le camice nere naziste di Hitler, l’Armata Rossa di Stalin, e finalmente, dopo la caduta del Muro, tutti i berlinesi liberi.


Lascio parlare le altre foto.




Berlino appare una città in continuo divenire, in trasformazione, caratterizzata da una assoluta eterogeneità di strade e piazze, ogni quartiere presenta volto e identità culturale diversi, Berlino, una città giovane dove girare in auto è superfluo. Prendi la bici e vai oppure utilizzi i mezzi pubblici.

Eccomi all'ultimo giorno. Prendo la mètro, linea 9, giro per 20 minuti senza staccare gli occhi dal finestrino, seguo i contorni di questa città in perfetta crescita, in un armonioso cambiamento. Nell' I-pod il concerto di Allevi nasconde tutto il rumore esterno.

Io, sempre curiosa, eternamente affascinata dal mondo; io e le immagini che scappano e cambiano in continuazione dietro il finestrino; io e la musica che mi culla piacevolmente.

E saluto così Berlino, con dentro una grande emozione!

13 commenti:

fabio r. ha detto...

Hallo schoene Maedel! Willkommen zurueck nach Italien.
ecco un esempio di "hochdeutsch" un tedesco medio..

in effetti il tedesco ha i suoi dialetti e le sue variazioni. il tedesco parlato a Berlino è arabo per i berlinesi e viceversa..

Molte parole non hanno nemmeno corrispondenze da zona a zona, ma se parli un po' (non è poi così difficile al livello "base" se già mastichi un po' di inglese...) te la cavi cmq.

io - traducendolo ed insegnandolo - sono spesso costretto a fare i conti con le variazioni dialettali.
Questa volta con il Francone (dialetto bavarese di Norimberga) ammetto di aver ben apuntato le orecchie, tipo con il sardo o veneto, che so...

Su Berlino no comment: io ne sono profondamente infatuato da anni, e poi avendoci scritto la tesi, diversi saggi, ed articoli vari ormai è parte della mia geografia mentale..

Marlene Dietrich cantava: "ich habe noch ein Koffer in Berlin" (ho ancora una valigia a Berlino) e la cosa vale ancora per molti, me compreso..

Schoene Gruesse, fabius

AndreA ha detto...

Prima di tutto BENTORNATA!!

Deve essere proprio una bella città!!

Ci saranno altri post su questo viaggio vero?? :-)))

Un bacio, buona serata!! :-)

Signor Ponza ha detto...

Berlino è così: o si ama o si odia. Io, personalmente, sono più per la seconda.

mafalda ha detto...

Bentornata!!!!!!!!!!Le foto stimolano ad andare a Berlino...Molto belle, io venerdì parto alla volta di Praga....
Un saluto ed un arrivederci a prestissimo!!!!!!!!!!!!!!!!
Baciuzzi

Daniele ha detto...

Bentornata! Belle foto e bei commenti… sicuramente è fra le mie prossime mete.. Prima o poi devo colmare la lacuna…

M@rcello;-) ha detto...

... incredibilmente mi sono trovato ad scoprire di apprezzare molto la cultura tedesca... sono rimasto letteralmente folgorato dalla bellezza di monaco quando ci sono stato a suo tempo... per non parlare dell'ottima birra che riescono a produrre e le loro sagre dedicate: quanto mi sono divertito alla festa della birra di stoccarda! :D

... berlino allora, sia per queste ma sopratutto per le ragioni che hai tu descritto credo proprio che sia una meta da non perdere l'occasione di mancare!

ciriciao,
M@;-)

Andrew ha detto...

bella berlino :)

Irene ha detto...

x fabio: da quanto leggo te lo porti proprio dentro un pezzo di Berlino, poi tu hai il vantaggio delle lingua e non è poco! Comunque ho già in programma di tornarci, perchè veramente è in costante cambiamento! ciao ciao

x andrea: grazie per il bentornata, ho fatto tante cose questa estate e prometto che scriverò ancora qualcosa sulle mie esperienze. un bacione

x signor ponza: ciaoooo, quanto penso di non sentirti più... tu ricompari con un commento... che bello! dopo entro da te e vengo a vedere come te la passi! Un no per Berlino leggo, mi piacerebbe sapere come mai!

x Mafalda: buon viaggio giovane sposetta! Divertiti e baciuzzi anche te

Irene ha detto...

x daniele: ciao... lì potresti correre in mezzo al verde, o anche per le strade senza il minimo problema, piste ciclabili dovunque, parchi enormi... una cosa cosa che invidio quando viaggio è proprio che le grandi città all'estero, rispetto all'Italia, hanno saputo conservare tante aree verdi, ma non piccoli parchi, ma enormi zone dove veramente ti senti libero di muoverti o anche stenderti per leggere. Vai allora... colma la lacuna! Un bacione

x marcello: hai nominato Monaco; quest'anno l'ho saltata, ma ci sono andata per ben tre anni e lo scorso anno mi sono fermata per 10 giorni scoprendo sempre cose nuove. Tu che ami la fotografia... non ti dico quante foto ho fatto al Viktualienmarkt, come dispongono loro i prodotto non ha eguali! ciao ciao

x andrew: benvenuto!

J. Cole ha detto...

Come ti invidio: non vado a Berlino da anni e mi manca moltissimo!!!

Signor Ponza ha detto...

L'ho trovata troppo dispersiva, troppo grande (lo so che erano due città fino a poco tempo fa, ma purtroppo non mi piace). E poi non ho apprezzato molto come moderno e antico si fondono. Non so, ho avuto una impressione poco positiva.

Signor Ponza ha detto...

PS: Per quanto riguarda Desperate ti ho risposto sul mio blog. ;)

pansy ha detto...

Berlino, la vorrei tanto visitare, dicono sia stupenda e dal tuo post deduco che lo sia anche stata per te!!